logo

Famiglia - Stili di vita - Salute - Benessere

Condividi su Facebook

La “psicologia positiva” si occupa del benessere delle persone. Gli studi in questo ambito testimoniano quanto sia importante avere delle relazioni sane e forti, per prevenire le forme di disagio psicologico e per proteggere la nostra salute. Le persone che comunicano meglio e che hanno una rete di relazioni positive, infatti, hanno una vita più sana e più lunga. 

Per godere al meglio delle relazioni, dobbiamo essere delle persone equilibrate ed empatiche, possedere una buona autostima, ed una capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace i nostri bisogni.

La psicoterapia è un ottima strategia di crescita personale, ci aiuta non solo a risolvere i problemi, ma anche ad essere delle persone migliori, maggiormente consapevoli e realizzate.

Mi chiamo Sabrina Ciccarelli e sono una psicoterapeuta.

Ho scelto questo lavoro perché è mentalmente stimolante, mi permette di continuare a crescere come essere umano, attraverso gli incontri con le altre persone, e ad evolvere come professionista, grazie all’aggiornamento continuo sui temi della psicologia. 

Da sempre, le relazioni umane sono al centro del mio interesse, ed essere una psicoterapeuta mi permette di coltivare questa propensione all’ascolto e all’aiuto.

Offrire sostegno a chiunque si trovi in un momento di difficoltà, dona un senso profondo alla mia vita, rendendola più gratificante e degna di essere vissuta. 

Venerdì, 01 Febbraio 2019 08:12

S.O.S. bullismo! Cosa fare?

È utile fare un po’ di chiarezza, spesso infatti si etichettano come “atti di bullismo” comportamenti che in realtà sono episodi isolati di angherie e dispetti tra ragazzi, o vicende di cronaca che incoronano un ragazzo prepotente come “bullo”.

Per parlare di bullismo devono esserci almeno il bullo e la vittima, spesso anche gli spettatori.

Non è considerabile atto di bullismo un singolo episodio di angheria tra ragazzi, ma tra l’autore e la vittima deve instaurarsi una relazione (ad esempio la vittima è sempre la stessa). Il litigio tra pari non può essere considerato bullismo.